Giovanni Petronio, autore de "I ragazzi della Fiumarella", insignito di due onorificenze | Catanzaro Page Catanzaro Page

Catanzaro Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Catanzaro, catanzarese, Calabria

Giovanni Petronio, autore de “I ragazzi della Fiumarella”, insignito di due onorificenze

Dopo diversi premi a livello regionale e nazionale (da ricordare tra gli altri il plauso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a marzo del 2018), Giovanni Petronio, è stato insignito per aver scritto “I ragazzi della Fiumarella”, uscito recentemente in una versione aggiornata ed arricchita, di ben due riconoscimenti nell’ambito del concorso letterario Metauros/San Brundolino 2020, giunto alla sua X Edizione, con sede a Gioia Tauro, indetto dall’Università “Ponti con la società” per il tempo libero e la socializzazione.

Il presidente, il Cavaliere Rocco Giuseppe Tassone, con la commissione, dopo aver attentamente valutato tutte le opere pervenute, ha deciso di assegnare all’autore del catanzarese, prima di tutto il primo premio nella sezione saggistica e poi in quello come scrittore più giovane partecipante alla manifestazione! Accanto al certosino ed instancabile lavoro di memorialistica che senza di lui sarebbe andato perduto per sempre relativo al più grave deragliamento ferroviario della storia d’Italia, laFiumarella, tiene alta da anni alta l’attenzione sulla questione della mobilità, in particolare proprio sulla rete Cosenza/Catanzaro, interrotta dal 2009 per alcune frane lungo il percorso, provocando danni notevoli agli abitanti del comprensorio del Reventinoe Savuto, di cui Petronio ha denunciato a più riprese e vox populi lo stato.

Nelle conclusioni del suo libro scrive che: “Raccontare il passato carica di responsabilità, aver scritto un libro sul più grande deragliamento ferroviario verificatosi in Italia, ha mutato la percezione che ho sempre avuto dei luoghi e del tempo e mi ha fatto capire quanto sia importante andare alla ricerca dell’umanità nascosta dietro ai volti, dietro ad un sorriso o alle lacrime. Un’umanità della e nella storia (…). Investirò impegno per la mia terra e per i suoi abitanti, che non possono e non debbono essere considerati numeri senza volti, da adoperare in alcuni momenti come mero bacino di riscontro elettorale”

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pubblicità