D'Ippolito (M5S) chiede al ministro Costa di sostituire Pappaterra alla guida del Parco del Pollino, "personaggio pieno di conflitti di interessi" | Catanzaro Page Catanzaro Page

Catanzaro Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Catanzaro, catanzarese, Calabria

D’Ippolito (M5S) chiede al ministro Costa di sostituire Pappaterra alla guida del Parco del Pollino, “personaggio pieno di conflitti di interessi”

Per il deputato M5S Giuseppe d’Ippolito è arrivato il momento, si legge in una nota, di nominare un altro presidente del Parco nazionale del Pollino. È quanto con specifica interrogazione ha chiesto l’esponente del Movimento 5 Stelle al ministro dell’Ambiente, Sergio Costa.

Nello stesso atto parlamentare sono riassunti «gravi conflitti» dell’attuale presidente del Parco in questione, Domenico Pappaterra, «nel contempo direttore generale dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Calabria, nonostante l’inconferibilità di cui all’art. 4 del decreto legislativo Anticorruzione, dovuta al fatto che il Parco è finanziato anche dalla Regione Calabria».

Nell’interrogazione Pappaterra è inoltre indicato tra i protagonisti «dell’Accordo di compensazione a proposito della centrale a biomasse del Mercure, ubicata paradossalmente all’interno dello stesso Parco, che prevede misure per la tutela e salvaguardia ambientale e della salute e sicurezza delle popolazioni anche attraverso la costituzione di un Osservatorio ambientale finanziato direttamente da Enel con 100.000 euro annui per otto anni». Nella sua interrogazione D’Ippolito ha ricordato che l’Osservatorio è addirittura «presieduto dal presidente del Parco nazionale del Pollino» e che «tali somme» erogate da Enel «sono già state contestate da più parti, in quanto potenzialmente strumentali a determinare l’acquiescenza di enti e istituzioni in merito alla centrale del Mercure, nonché, per altro caso analogo, oggetto di sentenza avversa del Tar della Puglia».

Infine nell’interrogazione D’Ippolito ha rammentato «i recenti provvedimenti con cui la giunta della Regione Basilicata ha prorogato i termini di validità del giudizio favorevole di compatibilità ambientale e intrapreso l’iter di esproprio di terreni per realizzare, nel Parco suddetto, una centrale idroelettrica sul torrente Frido», nonché «la meritoria battaglia di Ferdinando Laghi, consigliere del Parco in argomento, contro tale opera», «sulla quale – rimarca il deputato M5S – permane il silenzio pilatesco del Pappaterra, al netto di una formale richiesta di incontro con la Regione Basilicata».

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pubblicità