Occhiuto: "Amo costruire, non distruggere". Il sindaco "fa pace" con la Santelli | Catanzaro Page Catanzaro Page

Catanzaro Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Catanzaro, catanzarese, Calabria

Occhiuto: “Amo costruire, non distruggere”. Il sindaco “fa pace” con la Santelli

COSENZA – “Ho già spiegato che per carattere io amo costruire, non distruggere; che il mio sogno era quello di fare il presidente -come in tanti mi avevano chiesto- per cambiare la Calabria, e che non avrei mai avuto alcun interesse rispetto a una mia personale affermazione politica priva di un obiettivo concreto di governo della Regione.”

Mario Occhiuto affida a Facebook il suo pensiero circa la sua intenzione di sostenere Jole Santelli alle prossime regionali del 26 gennaio.

“Credo sia comprensibile a tutti, quindi, – scrive Occhiuto – come il mio stato d’animo -dopo l’esclusione- sia stato di grande delusione, dopo aver passato anni di preparazione sul programma e di incontri in giro per la Calabria. Addirittura il 13 aprile dello scorso anno ci fu una grande manifestazione a Lamezia a cui parteciparono ben cinquemila calabresi.

Ma la delusione e l’amarezza non devono trasformarsi per forza in odio o in rancore, come a qualcuno piacerebbe.

Non è il mio carattere.

Io nella vita voglio continuare a seguire ideali di bellezza, di amicizia, di rapporti costruttivi e positivi. Non sempre ci riesco, ma sempre mi sforzo in questo senso.

Chi vive i rapporti umani sa che a renderli tali sono i sentimenti e quando succedono delle cose come quelle tra me e Jole, così come succede un po’ in tutte le famiglie o nei casi in cui i legami sono più stretti, si possono creare degli equivoci. Ma poi si elaborano i sentimenti, il senso di amarezza e di delusione si attenua, e ci si chiarisce.

Jole mi ha sinceramente sostenuto per anni e poi -quando ha compreso che sulla mia candidatura c’era un veto invalicabile posto da altri partiti- solo alla fine ha accettato l’investitura per se stessa. Poteva dirmelo prima -è vero- ma evidentemente in quel momento sarebbe stato per lei imbarazzante.

Io ho scelto di continuare a stare nella squadra, pur non da protagonista principale, per “costruire” -com’è nel mio carattere- e per contribuire nel mio piccolo e con altre modalità a migliorare la nostra Calabria.

Per questo motivo oggi sono accanto a lei, con convinzione e con l’affetto di sempre.

Non ho chiesto niente in cambio, né ho intenzione di assumere incarichi di governo regionali. Non c’è stato calcolo e non c’è nessuna convenienza personale, altrimenti ci saremmo messi d’accordo da subito. Sono già sindaco e ho l’interesse ad ottenere vantaggi migliorativi per la città che amo e che amministro, e come cittadino calabrese aspiro al cambiamento della regione.

Questo è tutto.”

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pubblicità