Corigliano Rossano, il 24 luglio lectio magistralis su Maurits Cornelius Escher | Catanzaro Page Catanzaro Page

Catanzaro Page Quotidiano Online | cronaca, news, notizie, sport, politica, chiesa, attualita', Catanzaro, catanzarese, Calabria

Corigliano Rossano, il 24 luglio lectio magistralis su Maurits Cornelius Escher

CORIGLIANO ROSSANO (COSENZA) – Il fascino del paesaggio. Maurits Cornelius Escher, un artista del Novecento in Calabria. – È, questo, il tema della lectio magistralis che il professore Maurizio Poletti, docente di archeologia classica all’Unical e apprezzato studioso dell’arte terrà il prossimo venerdì 24 luglio, alle ore 21 nel chiostro di Palazzo San Bernardino. La ricorrenza è rappresentata dai 90 anni (1930-2020) dalla visita a Rossano del famoso incisore e grafico olandese; anniversario al quale la città ha voluto rendere omaggio anche attraverso il coinvolgimento del mondo della scuola.

È quanto fa sapere l’assessore alla Città della Cultura e della Solidarietà Donatella Novellis informando che l’iniziativa che doveva tenersi intorno al 22 maggio, data di cui trova traccia nei diari di viaggio di Escher, rimandata a causa dell’emergenza Covid, rientra nel progetto Corigliano- Rossano – Siamo Culture.

Era il 22 maggio 1930 quando, il centro storico di Rossano diventava tappa del Grand Tour che in Italia compiva Maurits Cornelis Escher, accompagnato dai suoi compagni di viaggio Giuseppe Haas-Triverio, Roberto Schiess e Jean Rousset.

Oltre alla lectio del professore e archeologo Paoletti interverrà anche l’esperto d’arte e collezionista di opere di Escher Federico Giudiceandrea sul tema Dai matematici agli hippies, lo strano percorso dell’arte di M.C. Escher.

Per le celebrazioni, l’assessore Novellis ha voluto coinvolgere gli studenti del biennio e del triennio del Liceo artistico del Polo liceale di Rossano stimolandoli, grazie al fondamentale apporto dei loro docenti e del dirigente scolastico Antonio Franco Pistoia, alla realizzazione di opere uniche ed originali ispirate alla produzione artistica di Escher. Gli studenti hanno, dunque, realizzato nuovi lavori o reinterpretato i soggetti scelti dall’artista olandese ma con metodi differenti. Faranno da cornice al chiostro di Palazzo San Bernardino.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pubblicità